Omega Speedmaster Racing Master Chronometer

In linea con la tradizione Omega, tutti i nuovi Speedmaster sono improntati allo spirito e al design dei modelli che li hanno preceduti.

L’elemento grafico sulla traccia dei minuti di questo segnatempo in acciaio ha fatto la sua prima comparsa nello Speedmaster del 1968.

Questo dettaglio, che riprende la tradizione legata alle gare automobilistiche dello Speedmaster, ritorna ora insieme con alcune caratteristiche uniche e raffinate.

La collezione Speedmaster Racing Master Chronometer Omega è in distribuzione.

Il primo modello è in acciaio inossidabile con quadrante nero opaco.

La ghiera è in ceramica lucida e la scala tachimetrica è spazzolata in Liquidmetal, con la caratteristica scritta in arancione, che riprende il colore delle sfere e della traccia dei secondi.

Il secondo modello è in oro Sedna 18K.

Il blu è utilizzato per il quadrante, per il cinturino in pelle e per la lunetta in ceramica con scala tachimetrica in Ceragold.

Entrambi i modelli sono caratterizzati dalla traccia dei minuti “alternati” in puro stile racing, da cui il modello prende nome, che lo collega direttamente al design dei primi Speedmaster del 1968 e che al tempo stesso permette una migliore leggibilità.

Entrambi i modelli sono caratterizzati dalla traccia dei minuti “alternati” in puro stile racing, da cui il modello prende nome, che lo collega direttamente al design dei primi Speedmaster del 1968 e che al tempo stesso permette una migliore leggibilità.

Paragonato ai modelli del passato, vale la pena notare che la cassa da 44,25 mm dello Speedmaster Racing Master Chronometer Omega è più sottile grazie al lavoro eseguito sul vetro zaffiro.

Altre caratteristiche degne di nota sono gli indici smussati riempiti di Super-LumiNova e i piccoli contatori, che sono stati leggermente ingranditi per migliorarne la leggibilità.

Lo Speedmaster Racing Master Chronometer di Omega rappresenta il prossimo modello Speedmaster con certificazione METAS.

Hublot è da Harrods con The Art of Fusion
Rado HyperChrome Captain Cook: il gusto vintage

Potrebbe interessarti anche

Menu