PANERAI LUMINOR 1950 – LO SCIENZIATO

Con  la  sua  cassa in  titanio stampata in  3D  con  la  tecnica del  Direct Metal Laser Sintering ,    Lo Scienziato – Luminor 1950 Tourbillon GMT è senz’altro una delle creazioni più innovative e sorprendenti della Manifattura Panerai di Neuchâtel. Presentato nel 2016 come prima applicazione di questa tecnica rivoluzionaria ad un segnatempo meccanico, Lo Scienziato è ora disponibile in una nuova versione che conserva tutte le caratteristiche eccezionali del suo predecessore ma con un’estetica leggermente rivisitata. Nel nuovo modello, infatti, il blu delle lancette, perfettamente intonato alle tonalità metalliche del titanio della cassa, caratterizza anche il rehaut e le impunture del cinturino in pelle nero, conferendo all’orologio un aspetto ancora più sportivo, in linea con una creazione dagli elevatissimi contenuti tecnici.La leggerezza del nuovo Lo Scienziato non può che stupire, soprattutto se valutata in relazione alla ricchezza dei contenuti: ore, minuti, piccoli secondi, GMT con indicazione am/pm, sei  giorni di riserva di marcia con indicatore dell’autonomia residua sul fondello, tourbillon. Il segreto di tale leggerezza è l’ingegnoso lavoro di sottrazione eseguito dal Laboratorio di Idee della Manifattura Panerai di Neuchâtel sia sulla cassa sia sul raffinato movimento P.2005/T, per ottenere un orologio con le tipiche caratteristiche Panerai, ma con un peso sorprendentemente inferiore

 

La cassa Luminor 1950 ha la  classica misura di  47  mm  di  diametro ed  è  realizzata in  titanio,  un materiale resistente alla corrosione più leggero del 40% rispetto all’acciaio. Per ridurne ulteriormente il peso, la cassa è realizzata mediante una tecnologia innovativa che consente di creare geometrie cave ed estremamente complesse senza però compromettere impermeabilità (10 bar, circa 100 metri di profondità), solidità e resistenza alle tensioni e alle torsioni cui la cassa può essere sottoposta. La tecnica utilizzata si chiama Direct Metal Laser Sintering ed  è  una  stampa  in  3D  realizzata strato per  strato grazie a  un  laser a  fibra ottica, a  partire da  polveri di  titanio.  I diversi strati – di soli 0,02 mm di spessore – si fondono e solidificano perfettamente dando vita ad una geometria non ottenibile con le lavorazioni tradizionali, dal peso molto inferiore e dall’aspetto perfettamente uniforme e liscio.

 

Anche il movimento meccanico P.2005, il calibro a carica manuale con lo speciale tourbillon brevettato da Panerai, è realizzato nella versione P.2005/T, scheletrato e con i ponti e la platina in titanio. Grazie alla diversa densità – circa la metà – di questo materiale rispetto all’ottone con cui sono normalmente realizzati questi componenti, il peso totale del movimento è inferiore del 35% rispetto a quello della versione scheletrata P.2005/S.

 

La leggerezza finale dell’orologio è anche frutto della fine scheletratura di ponti, platina e bariletti e della assenza di un classico quadrante, visto che tutti gli elementi che normalmente lo compongono sono ancorati direttamente al movimento o al rehaut dell’orologio, come gli indici in corrispondenza delle ore. A ore nove si trova il piccolo quadrante dei secondi, all’interno del quale ruota il piccolo indicatore che segna la rotazione della gabbia del tourbillon. A ore tre, un altro piccolo contatore consente di stabilire se l’ora indicata dalla lancetta centrale del secondo fuso orario (GMT) si riferisca al giorno o alla notte. La lunga riserva di carica di sei giorni, ottenuta attraverso tre bariletti collegati in serie, ha invece un apposito indicatore posto sul retro del movimento, visibile attraverso il largo oblò in vetro zaffiro che si apre sul fondello. Tutto questo fine lavoro di scheletratura consente di ammirare da entrambi i lati dettagli affascinanti come lo svolgimento e riavvolgimento della spirale all’interno dei bariletti, l’intricato gioco di connessione dei ruotismi e soprattutto la rotazione della gabbia del tourbillon, che nella versione brevettata da Panerai ha una differenza fondamentale: per compensare al meglio gli effetti della gravità sull’organo regolatore, ottenendo quindi una maggiore precisione di marcia, la gabbia del tourbillon ruota su un asse perpendicolare e non parallelo a quello del bilanciere, e compie un giro ogni trenta anziché sessanta secondi.

 

SANTOS DE CARTIER
BULGARI OCTO TOURBILLON SAPPHIRE

Potrebbe interessarti anche

Menu