Royal Oak Extra Piatto, torna sugli scudi il più amato dagli appassionati: il Jumbo

Quando il Royal Oak originale fu lanciato per la prima volta nel 1972 si rivelò importante per diverse ragioni: era il primo orologio sportivo di lusso al mondo; era imponente, ma incredibilmente sottile; e, pur essendo il segnatempo più costoso della sua categoria sul mercato, era disponibile esclusivamente in acciaio inossidabile.

Ma solo fino al 1977, quando fu proposto il primo Royal Oak 39 mm in oro giallo, che conferì un carattere totalmente nuovo a quello che, ben presto, sarebbe stato considerato un’icona del design. Nel 2016, il classico oro giallo è tornato a far parte dell’offerta Audemars Piguet, per un selezionato gruppo di modelli Royal Oak. Oggi, per celebrare il 40° anniversario del primo Royal Oak in metallo prezioso, Audemars Piguet crea una nuova serie di versioni extra-piatte in oro giallo.

Il «Jumbo» in oro giallo 18 carati è disponibile con due diversi quadranti «Petite Tapisserie»: nel classico colore blu o nella tonalità champagne di ispirazione vintage, che richiamano entrambi una piacevole estetica anni Settanta pur offrendo un segnatempo all’avanguardia in termini di comfort, finiture, precisione e affidabilità. Il blu del quadrante presenta una sfumatura più chiara, simile ai modelli in oro giallo dello scorso anno, creando un meraviglioso contrasto con la cassa e il bracciale. Il quadrante champagne, al contrario, si fonde perfettamente con l’oro giallo dell’altro segnatempo, dando vita a un’estetica monocromatica di rara bellezza e calore.

Questi segnatempo rendono omaggio al modello Royal Oak originale, incarnando le caratteristiche distintive e le elaborate tecniche di finitura che definiscono il primo orologio sportivo di lusso al mondo. Come tutti gli esemplari della referenza 15202, il nuovo modello in oro giallo monta il noto calibro ultrapiatto di Manifattura 2121 a carica automatica, risalente a mezzo secolo fa. Da oltre 80 anni, Audemars Piguet realizza cronografi d’eccezione con quadranti frutto di grande creatività. Nel 2017, il primo cronografo da polso Royal Oak in assoluto celebra il suo 20° anniversario, essendo stato presentato per la prima volta nel 1997.

La nuova linea di cronografi di quest’anno richiama un look molto amato, presentato per la prima volta nel 2008. Al pari degli esemplari d’epoca prodotti tra gli anni ‘30 e ‘60 del Novecento, i quadranti del Cronografo Royal Oak sono sempre stati progettati con cura. Tutti e sette i modelli della nuova linea presentano un quadrante dal fresco design bicolore con numerosi e nuovi dettagli, estremamente curati: i contatori cronografici di dimensioni maggiori, ampliati a ore 9 e ore 3, gli indici più corti ma più larghi, un ulteriore rivestimento luminescente per una migliore leggibilità dell’ora e nuovi dettagli applicati. Il datario a finestrella è stato riposizionato tra le ore 4 e le ore 5.

Questi dettagli di design sono proposti in un’ampia varietà di finiture e accostamenti, prime tra tutte quattro versioni in oro rosa disponibili con bracciale coordinato nello stesso materiale o cinturino in pelle di alligatore, e con una scelta di quadranti ‘Grande Tapisserie’ in blu o marrone.

Le versioni in acciaio sono declinate con una serie di quadranti «Grande Tapisserie» in nero, argento o blu, e abbinate a bracciali in acciaio.

Oggi, per celebrare il 40° anniversario del primo Royal Oak in metallo prezioso, Audemars Piguet crea una nuova serie di versioni extra-piatte in oro giallo.

Il Nuovo Grande Classico: Datejust 41 di Rolex
Lo stile tutto italiano che vince nel mondo

Potrebbe interessarti anche

Menu