SUL RING CON CANELO ALVAREZ LA POTENZA DELLA BOXE SI SPOSA CON L’ALTA OROLOGERIA DI ROGER DUBUIS

Persone

Roger Dubuis è sinonimo di adrenalina e ferrea concentrazione sulle prestazioni, una perfetta combinazione di forza, determinazione e perseveranza. Proprio mettendo assieme tutte queste qualità, la Maison ha scelto di sostenere la stella nascente della boxe, il messicano Santos Saúl Álvarez Barragán (conosciuto anche come Saul Canelo Alvarez o, semplicemente, “Canelo”). Più volte campione del mondo in due diverse categorie di peso, è considerato il miglior pugile attivo, pound for pound. In occasione dell’attesissimo incontro che si svolgerà il prossimo settembre contro l’attuale detentore dei titoli unificati WBA, WBC, IBF e IBO, il peso medio n° 1 al mondo Gennady Golovkin, durante la conferenza stampa prima del match questo potente nuovo ambasciatore indosserà gli emblemi della Maison e durante il match i suoi shorts avranno il logo Roger Dubuis. Lo abbiamo incontrato a Ginevra, lontano dal ring, all’interno del Sihh.

Lei ha iniziato giovanissimo: professionista a 15 anni. Sente di aver perso qualcosa?

Sicuramente ho dovuto rinunciare a molte cose proprie della gioventù, però quando si vuole diventare grandi, bravi ad alto livello in un’attività, qualcosa bisogna dare, bisogna sottoporsi a dei sacrifici.

Cos’è secondo lei il pugilato? Tecnica? Allenamento? Forza? Intelligenza? Tenacia?

È un po’ di tutto. Per prima cosa occorre essere disciplinati, amare ciò che si fa e avere talento. Quando si ha talento, tutto il resto lo raggiungi allenandoti. Ma bisogna avere talento per poter apprendere.

Parliamo del tempo: come sono le giornate di un professionista della boxe?

Mi sveglio alle 5 del mattino e affronto 5 ore al giorno di allenamento.

E questo quanti giorni a settimana?

Sei giorni a settimana, dormendo 8 ore a notte.

Pressione prima di una gara?

Non sento la pressione. Non sento la tensione da tantissimo tempo, perché ho approfondito quello che faccio ed ho capito che è tutta una questione di passione.

Come fa a trovare la concentrazione giusta? Ha un suo metodo oppure le riesce naturale?

No, sono tranquillo. Mi alleno, ho fatto esperienza e questo mi ha permesso di maturare mentalmente. Ho imparato a separare la mia vita personale da quella professionale. Pertanto quando entro in quel quadrilatero che è il ring io sono in grado di tenere fuori tutto il resto. E questo avviene in modo del tutto naturale.

Ha la percezione del tempo durante un incontro?

No, non si può avere una percezione precisa. Per me ciò che è importante è vincere, quindi sono del tutto focalizzato solo su questo. Di conseguenza non mi rendo conto del tempo che passa.

Gli orologi sono uno strumento di lavoro oppure un accessorio da indossare?

Entrambe le cose. Sono chiaramente un accessorio, ma anche uno strumento di lavoro, soprattutto mentre mi alleno. Li uso per scadenzare i tempi. Ad ogni modo, mi piacciono molto. Oltre che per l’utilizzo che ne faccio nel mio lavoro a me piace indossare l’orologio. Rappresenta un’esperienza che mi dà piacere.

Cosa farà con Roger Dubuis?

È una opportunità molto speciale per me ed anche la prima volta che mi capita una collaborazione con un brand di orologi. E mi fa sentire orgoglioso. Faremo assieme un cammino importante: abbiamo in comune la combattività, l’esperienza, la voglia di vincere.

Excalibur Automatic Skeleton “CANELO”

Per segnare il primo round di questa vigorosa alleanza con Saul Canelo Alvarez, Roger Dubuis ha presentato una rivisitazione del suo classico Excalibur Automatic Skeleton. Nota per la sinergia di eccellenza tecnica ed eccentricità stilistica, la collezione Excalibur ha catturato lo spirito di Roger Dubuis tanto da diventarne l’icona. Questo modello è un trionfo di oro e nero, per celebrare i colori scelti da Canelo per l’incontro. Oltre a un cinturino realizzato con il materiale dei guantoni indossati dal pugile, i più abili maestri Roger Dubuis si sono messi all’opera per trasformare le iniziali di Canelo nel collegamento a molla, un elemento funzionale del movimento dell’orologio.

Daniel Braillard SVELA I SEGRETI DEL BAUMATIC DI BAUME & MERCIER
Giorgio Cazzaniga
CURIOSO PATOLOGICO

Potrebbe interessarti anche

Menu